Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookie modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

Necropoli Etrusca di Prato Rosello

La necropoli di Prato Rosello ad Artimino è il maggior ritrovamento etrusco, identificato nel 1966, lungo la strada che collega la Villa Medicea di Artimino a Poggio alla Malva. Un lungo sentiero nel verde porta alla zona degli scavi che hanno portato alla luce, oltre a porzioni di corredi relativi a sepolture prive di contesto monumentale (conservati all'interno del Museo Archeologico di Artimino), anche una decina di tumuli che testimoniano l'esitenza della necropoli a partire dalla fine dell'VIII secolo a.C. Fra i più importanti il Tumulo B che ingloba la cosiddetta Tomba del Guerriero eccezionalmente inviolata anche se assai danneggiata da crolli e infiltrazioni e quella del Tumulo C, con una tomba a camera rettangolare a pareti monolitiche, preceduta da un piccolo vestibolo e da una scala splendidamente conservata, che ha restituiro l'incensiere di bucchero (ultimo ventennio del VII secolo a.C.).

Informazioni