Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookie modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

Pieve di San Michele e Francesco

Secondo la tradizione la primitiva chiesa di Carmignano intitolata a San Michele fu edificata intorno al Mille ed era ubicata sotto la Rocca. Dal 1782 l'attuale Pieve ha trovato la sua definitiva collocazione nell'antica chiesa di San Francesco (sec. XIV) della quale restano tracce nella fiancata sinistra all'esterno dell'edificio. La chiesa, danneggiata durante la seconda guerra mondiale, è stata restaurata nell'immediato dopoguerra eliminando varie strutture sei-settecentesche di un certo pregio.
Alla facciata a capanna si addossa un loggiato a cinque arcate retto da colonne tuscaniche. L'ampia navata della chiesa è coperta a capriate lignee. L'opera più famosa ospitata al suo interno è la Visitazione del Pontormo, testimonianza ammirevole del primo Manierismo fiorentino. L'opera fu dipinta fra il 1528-30 su commissione della famiglia Pinadori e sistemata nell'attuale collocazione nel 1740.
La Pieve accoglie anche alcuni affreschi staccati del XV secolo e interessanti dipinti del XV-XVII.

La Visitazione del Pontormo
L’estrema eleganza formale, il raffinato cromatismo, il sapiente gusto compositivo fanno di questo dipinto uno dei più alti capolavori di Jacopo Carucci detto il Pontormo, nato a Pontorme (Empoli) nel 1494. La Visitazione raffigura l'incontro fra Maria ed Elisabetta che, avvolte in ampi mantelli, appaiono come sollevate in punta di piedi. Le sapienti alternanze cromatiche, il cangiantismo e gli effetti del chiaroscuro mettono in evidenza i rigonfi panneggi. Le due imponenti figure sono "duplicate" da altre due figure femminili, viste frontalmente, dallo sguardo immobile e assente, testimoni del prodigioso avvenimento.
Sulla sinistra del dipinto sono raffigurate altre due piccole figure, forse San Giuseppe e San Zaccaria. La Visitazione è una di quelle opere rare e felici che costituiscono un unicum irripetibile nella carriera di un artista, e che sono destinate a lasciare un segno profondo nella storia dell’arte così come nell’immaginario collettivo.

Informazioni

  • Indirizzo: Piazza Santi Francesco e Michele, 1, Carmignano

  • Costo del biglietto: ingresso libero

  • Telefono: 055 8712046